Aggressione orso in trentino, Enpa: “Colpo di scena, è l’uomo che lo ha attaccato”

ROMA – “C’è un vero colpo di scena nella vicenda relativa alla presunta aggressione di un orso ai danni di un escursionista trentino, al quale Enpa rinnova gli auguri di pronta guarigione”. Secondo quanto riferito ieri a Radio 3 Scienza da Claudio Groff, responsabile settore grandi carnivori, servizio Foreste e fauna della Provincia autonoma di Trento, spiega l’associazione in una nota, “sarebbe stato il pensionato ad aggredire per primo l’animale e non viceversa“. Groff, citando la testimonianza resagli dallo stesso Angelo Metlicovez, “chiarisce infatti che l’idraulico settantenne di Cadine ha attaccato l’orso a colpi di bastone perché terrorizzato dalla comparsa improvvisa del plantigrado”. Insomma, “dalle parole del responsabile grandi carnivori di Trento emerge una ricostruzione molto diversa da quella circolata nelle ore immediatamente successive all’episodio. Ricostruzione sulla quale Enpa aveva immediatamente espresso dubbi e perplessità”. In attesa vengano chiariti ulteriori elementi, quali – ad esempio – l’eventuale presenza di cuccioli o il ruolo giocato avuto dal cane nell’innervosire il plantigrado, prende dunque corpo l’ipotesi dell’”errore umano”, con buona pace di tutti coloro i quali non avevano perso tempo nell’invocare la forca per il povero orso.

“Al presidente Rossi e all’amministrazione provinciale di Trento, che hanno dimostrato di non essere in grado di gestire la situazione né di informare o sensibilizzare i cittadini sui comportamenti corretti da tenere, chiediamo di trarre le necessarie conseguenze, fermando una inaccettabile caccia all’orso“, dichiara la presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi. “Al Presidente del Consiglio Gentiloni chiediamo di non concedere ulteriori ‘privilegi venatori’ alla provincia autonoma di Trento, alla quale sono già stati delegati ampi poteri per la “gestione” della fauna selvatica. Che, lo ricordo, è patrimonio indisponibile dello Stato”, aggiunge la presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi. “Lo Stato non può sempre abdicare alle proprie competenze vista anche l’esperienza fallimentare sinora maturata dalla Provincia di Trento, incapace finanche di spiegare ai suoi cittadini quali comportamenti adottare in natura”, conclude Enpa.

LEGGI ANCHEUn uomo aggredito da un orso in Trentino, il Wwf: “Capire meglio dinamica”

fonte «Agenzia DIRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Studio Cataldi

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Policy Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano “cookies”. Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all’altra. Come utilizziamo i cookies? Cookie tecnici Si tratta di cookie normalmente trasmessi in prima persona dal gestore del sito per finalità strettamente connesse al buon e corretto funzionamento del sito stesso. Questa famiglia di cookie comprende: Cookie di navigazione (o di sessione) Questi cookie sono necessari per garantire la normale fruizione del sito web e desi suoi servizi permettendo, ad esempio, di autenticarsi ad aree riservate o di effettuare un acquisto. Cookie funzionali Questi cookie, pur non essendo essenziali, migliorano la funzionalità del sito in quanto consentono all’utente di esprimere delle preferenze persistenti circa alcuni aspetti della navigazione (ad esempio selezionare la lingua o memorizzare alcuni prodotti preferiti all’interno di un e-commerce). Cookie di Analytics (o statistici) Sono considerati “cookie tecnici” laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. Cookie di profilazione Riprendendo la definizione data dal garante della Privacy i cookie di profilazione “sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete”. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l’installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili. Per accettare o rifiutare i cookies su questo sito, clicca su i pulsanti che troverai sul pop up in alto al momento che accedi al nostro Sito.

    Chiudi