Campidoglio, al via iter revoca licenza taxi in seguito a brutale aggressione aeroporto Fiumicino

Sospensione già in vigore

La scorsa settimana, in seguito alla brutale aggressione avvenuta allo scalo aeroportuale di Fiumicino, il dipartimento Mobilità e trasporti di Roma Capitale ha avviato le pratiche per la revoca della licenza taxi nei confronti dell’operatore responsabile di aver aggredito un cliente appena fuori dall’aeroporto. 

L’Ufficio contenzioso taxi, dopo aver ricevuto la trasmissione degli atti da parte della Polizia di Frontiera area Fiumicino, come da iter normativo ha provveduto alla sospensione cautelare, pari a 30 giorni, propedeutica alla revoca definitiva della licenza. 

“Quanto accaduto è intollerabile. Gli uffici di Roma Capitale hanno agito tempestivamente nei confronti del responsabile di questa brutale aggressione. Deve essere chiaro che chi si macchia di questi crimini viene punito. Anche in questo caso non faremo sconti a nessuno”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi

“Come Roma Capitale abbiamo avviato il percorso amministrativo funzionale al ritiro della licenza. Nell’area di Fiumicino, in questi ultimi mesi, abbiamo implementato i controlli della Polizia Locale e continueremo ad aumentare i presidi nell’area a contrasto dell’abusivismo o di pratiche scorrette e illegali. Chi sbaglia paga”, prosegue l’assessore alla Città in Movimento Pietro Calabrese

Così in una nota il Campidoglio.