Il “Festival italiano della cucina con la cozza tarantina” riparte da Gallipoli con la ventesima edizione

Il concorso gastronomico itinerante ha lo scopo di divulgare la conoscenza della cozza tarantina, eccellenza tipica locale, per valorizzare e promuovere il turismo enogastronomico

Sabato 18 gennaio si terrà a Gallipoli, in provincia di Lecce, la ventesima edizione del “Festival italiano della cucina con la cozza tarantina” e prodotti della gastronomia pugliese. Sono dunque trascorsi diciotto anni da quando il Cav. Uff. Cosimo Lardiello, Presidente del Centro di Cultura Renoir di Taranto, diede inizio con passione al concorso gastronomico itinerante su tutto il territorio nazionale con lo scopo di divulgare, in tante regioni italiane, la conoscenza della cozza tarantina, eccellenza tipica locale, per valorizzare e promuovere il turismo enogastronomico e l’immagine complessiva della città in cui viene allevato il mitile. La manifestazione, nel classico stile Renoir, negli anni è andata sempre più a crescere e ad affermarsi,  riscuotendo unanimi consensi,  tanto da essere imitata, senza avere successo, dai Comuni di Lerici, Macerata e Cervia, per promuovere i loro prodotti tipici locali. Si riaccendono quindi i riflettori sul prezioso frutto del Mar Piccolo di Taranto, allevato in aree sottoposte a strettissimi controlli da parte delle autorità preposte, che ogni settimana  definiscono la qualità e la salubrità, tanto che oggi i mitili del comprensorio indicato come secondo seno del Mar Piccolo di Taranto sono finalmente tornati ad essere classificati nella classe “A”, il prodotto quindi  non  necessita più di  essere messo nelle vasche di stabulazione dopo la raccolta, le cozze potranno ora arrivare direttamente nelle case dei consumatori sempre freschissime, pulite, pronte da mettere in pentola. Il prodotto ha il suo periodo di riproduzione durante l’inverno e il miglior periodo per assaporarne la prelibatezza sono i mesi successivi. Come nelle precedenti edizioni il Festival sarà seguito dalla stampa locale e nazionale, alla manifestazione   parteciperanno giornalisti provenienti da diverse città italiane e verrà ripresa – come nelle altre edizioni –  dalle telecamere di Rai 2 , mandata poi in onda nella trasmissione “Eat Parade”. Proprio in questo momento di difficoltà Taranto ha bisogno di fare leva sulle sue qualità migliori e su  nuove energie che possano contribuire a diversificare quello che viene definito il “business network”, cioè il “tessuto produttivo” a cui si fa riferimento per indicare le relazioni immateriali tra un produttore e l’altro, relazioni economiche, sociali e culturali che fanno sì che le imprese in un determinato territorio non siano isolate, ma interagiscano con le infrastrutture produttive cioè con  tutti i mezzi tecnici, i servizi e strumenti che rendono possibile la produzione. Occorre quindi migliorare la filiera commerciale dei prodotti del mare di Taranto, attivando una seria  politica di valorizzazione sul contesto italiano.

E’ questo l’obiettivo che il Festival in questi anni è riuscito a perseguire in tutte le sue tappe, stimolando la creatività dei vari chefs che si fronteggiano nella preparazione delle più fantasiose pietanze. Gli chefs provenienti da ogni parte d’Italia, appartengono tutti a prestigiose strutture ricettive, trasformano e arricchiscono con nuove proposte creative il  mollusco bivalve   con abbinamenti insoliti e accattivanti che esaltano la cozza tarantina, la vera protagonista dell’evento, conferendo nuove sensazioni al palato e scrivendo di volta in volta nuove pagine della  storia della cucina italiana.

Cosimo Lardiello presenta il Festival

Gli chefs e i maîtres, che hanno accolto nelle loro cucine  i mitili tarantini, diventano a loro volta, attori e diffusori dell’immagine del prodotto stesso attraverso l’elaborazione di centinaia di nuovi piatti da essere replicati dagli estimatori di tale prelibato frutto del mare jonico. Sarà l’Hotel Bellavista Club del gruppo Caroli Hotels di Gallipoli ancora una volta ad ospitare il Festival per la  XX  edizione 2020, sponsorizzando ufficialmente l’evento. Seguiranno poi gli appuntamenti itineranti in tutto il territorio nazionale: nel mese di Febbraio si svolgeranno quattro serate eliminatorie, riservate agli chefs e ai commissari di gara, presso il ristorante dell’ Hotel  Lido Impero di Chiatona, vicino Massafra, in provincia di Taranto. Il 24 e il 25 Marzo si disputerà poi ad Aversa  il Gran Premio “Pizza e Cozze Tarantine” a cui seguiranno altri  appuntamenti ad Isernia, Civitanova Marche, Peschiera del Garda ed altri, per concludersi prima della stagione estiva. Il direttore organizzativo del “Festival italiano della cucina con la cozza tarantina” Cav. Uff. Cosimo Lardiello,  per la ventesima edizione  ha schierato a Gallipoli i più prestigiosi chefs nazionali ed internazionali componenti della squadra ufficiale nazionale del Festival,  che rappresentano il Festival nelle competizioni più importanti nazionali ed internazionali, questi i nomi: Gianfranco Anzini executive chef di Napoli; Alessandro Angiola executive chef di Foggia; Vincenzo Cecere executive chef di Catanzaro; Nicola Altavilla executive chef di Taranto; Onofrio Terrafino executive chef  di Gallipoli (Le).

La manifestazione sarà presentata da Angelo Caputo, Vice Direttore di Studio 100 Tv di Taranto. Il gruppo musicale Rua Katalana Quartet, nato dall’incontro di quattro amici musicisti con  esperienze nei diversi stili musicali e appassionati della canzone classica e moderna napoletana, eseguirà brani del loro repertorio. E’ prevista la partecipazione di rappresentanti delle Forze dell’Ordine dei Comuni di Lecce e Brindisi, nonché  di un numeroso gruppo di piloti dell’Aviazione Marittima Italiana con il loro Presidente nazionale Orazio Frigino e con i rappresentanti delle delegazioni delle Regioni Calabria, Marche, Lombardia, Toscana. Scopi dell’Aviazione Marittima Italiana sono quelli di diffondere l’idea del volo sportivo proprio in una regione d’Italia, la Puglia, che è una piattaforma naturale protesa nel Mediterraneo, dove le tradizioni aeronautiche hanno salda dimora  e con dentro l’irresistibile voglia di vivere il cielo da protagonisti.

Harry di Prisco

Biscotti delle feste

I Biscotti delle feste sono dei semplici dolcetti al burro, morbidi e profumati, aromatizzati alla cannella e arricchiti da mandorle. Questi frollini  sono facili e veloci da preparare, basterà mettere tutti gli ingredienti in una ciotola e mescolarli fino ad  ottenere un panetto omogeneo e compatto, dal quale ricavare i biscotti.  Questi dolcetti possono essere un’idea carina per decorare il vostro albero di Natale o per fare regali ad amici e parenti.   

Vediamo insieme, passo per passo, come preparare questi deliziosi biscotti.

 Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 10 minuti

Ingredienti per  30 biscotti

  • 280 gr di Farina 00
  • 80 gr di mandorle (con la pellicina)
  • 170 g di Zucchero
  • 170 g di Burro (freddo)
  • 1 Uovo
  • 1 Cucchiaino di Cannella (in polvere)
  • 1 Pizzico di lievito per dolci

Decorazione:

 Zucchero a velo e Scorzette di arancia.

Preparazione

Per preparare i biscotti delle feste, bisogna  iniziare a frullare finemente le mandorle con un mixer, fino ad ottenere un impasto sabbioso e tenerlo da parte in una ciotola capiente.

2. Nel bicchiere del  mixer aggiungere la farina, il burro a pezzetti e frullare tutto per ottenere la classica sabbiatura dei biscotti al burro.

3.Unire gli altri ingredienti: zucchero, uovo, lievito per dolci, mandorle e cannella, chiudere il mixer e mescolare bene il tutto.

4.Trasferire il composto sulla spianatoia leggermente infarinata e lavorare l’impasto con le mani,  avvolgetelo nella pellicola per alimenti e fatelo riposare per una trentina di minuti.

5. Trascorso il tempo necessario, stendere l’impasto in una sfoglia di circa 1/2 cm di spessore e ricavare  le forme di biscotto che preferite, aiutandovi con delle formine.  

6. Sistemare i biscotti sulla teglia ricoperta con carta da forno e fateli cuocere in forno statico preriscaldato a 180°per 10 minuti circa, fino a quando i bordi  non li vedrete dorati.

7. Sfornare e lasciarli completamente raffreddare, spolverizzando tutti i biscotti con  zucchero a velo e scorzette di arancia.

Conservazione:

I biscotti, si possono conservare nelle scatole di latta, o barattoli di vetro per 5 giorni al massimo.

BUDINO ALLA VANIGLIA CON FRUTTA FRESCA

Il budino alla vaniglia con frutta fresca è un dolce delicato e leggero dal punto di vista calorico, ideale per terminare un  pranzo o una cena. È un dolce  facile e veloce da preparare,  specie se viene accompagnato con della frutta fresca.

Vediamo come si realizza questo dessert golosissimo.

Preparazione:20 Minuti

Difficoltà: media

Calorie: 212 kcal

BUDINO ALLA VANIGLIA CON FRUTTA FRESCA

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

 

350 ml di latte o latte di soia

200 ml di panna fresca

100 g di zucchero

4 tuorli

1 bacca di vaniglia

9 g di colla di pesce

 

PER LA MACEDONIA: 250 gr di frutta fresca a piacere tagliata a pezzetti ed irrorata con poco succo di limone e spolverizzata con zucchero.

Come si prepara?

 

1. Per realizzare il budino alla vaniglia con frutta fresca, dovete prima di tutto, cominciare ad ammorbidire i fogli di gelatina  in una ciotola piena di acqua fredda per quindici minuti. Incidere con un coltello ben affilato la bacca di vaniglia a metà e prelevare i semini.    

 

2. In un pentolino versare il latte con la panna liquida e aggiungere la bacca di vaniglia e semini. Mettere sul fuoco il pentolino e portare lentamente gli ingredienti a sfiorare l’ebollizione. Spegnere il fuoco, filtrare il composto in una ciotola per eliminare la bacca ed eventuali residui, unire  i fogli di gelatina, ben strizzati, e mescolare fino a scioglierli completamente.

 

3 In un’altra ciotola, mescolare con le fruste i tuorli con lo zucchero, amalgamarli e unire, sempre mescolando, il composto liquido bollente di latte e panna. Mescolare energicamente e portare a temperatura di 82 °C,  se non avete il termometro da cucina, amalgamare la crema fino a quando non vela il cucchiaio.

 

4. Disporre il composto ottenuto in uno stampo e farlo raffreddare in frigorifero per almeno 4 ore prima di servirlo. Immergere lo stampo per qualche istante in acqua calda, capovolgere il budino  su di un piatto da portata e servire con frutta fresca  di stagione.

 

 

Frutta fresca di stagione

Ricordiamo che la frutta è una fonte preziosa di vitamine, sali minerali (potassio, calcio, magnesio i principali) e fibre; quasi tutti i frutti sono caratterizzati da un buon apporto di zuccheri semplici (fruttosio) e un ridotto apporto di grassi, ad eccezione dei frutti oleosi, frutta secca e alcuni frutti come l’avocado e il cocco. Nella frutta sono presenti anche particolari enzimi,  in grado di intervenire nei processi digestivi e nel metabolismo del corpo umano; Per esempio  ananas e papaya, contengono un enzima simile alla pepsina in grado di  favorire la digestione delle proteine.

  …

 .
 

 

RICETTA FACILE E VELOCE: PANCAKES SALATI

I Pancakes salati sono delle semplici frittelle simili alle crêpe, che si preparano con pochi e semplici ingredienti: uova, farina e latte. Una volta cotti, i pancakes, si possono farcire con una serie infinita di ingredienti:  insalata, salumi, formaggi freschi, verdure miste, creme spalmabili, salmone marinato e cosi via.  Noi vi consigliamo di farcirli con prosciutto crudo e formaggio spalmabile, che renderà un piacere unico e  irresistibile il sapore delle vostre frittelle.

I Pancakes salati sono ottimi appena cotti, e quindi sono perfetti non solo per  un brunch ma anche per un pranzo veloce.

Vediamo insieme come prepararli, passo dopo passo.

  INGREDIENTI

Quantità per  8 – 10 pezzi

Impasto pancakes salati

  • 250 ml di latte
  • 200 gr di farina
  • 2 uova
  • 30 gr di burro fuso (oppure olio di semi)
  • 2 cucchiaini abbondanti di lievito per torte salate
  • 1 pizzico di sale

Per farcire:

  • 150 gr di prosciutto crudo
  • 150 g di formaggio spalmabile (robiola/stracchino) o crème fraîche

Come si preparano  i pancakes  salati?

1. Per prima cosa occorre fondere il burro a fuoco dolce e lasciarlo intiepidire. Prendere le uova e  separare i tuorli dagli albumi. In una ciotola mescolare energicamente con la frusta  i tuorli, il latte, un pizzico di sale e il burro fuso.

 2. Aggiungere la farina, lievito precedentemente setacciato con un colino e mescolare bene con la frusta, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo .

3.Dopo aver amalgamato perfettamente la farina al composto, montare gli albumi con le fruste elettriche, finché non saranno  bianchi e spumosi .

4. Aggiungere gli albumi ‘montati a neve’ al composto, mescolando delicatamente con movimenti circolari  dal basso verso l’alto.  

Quando l’impasto sarà pronto, passare alla cottura:

scaldare una padella dal fondo antiaderente unta con il burro, versare un mestolo di impasto al centro e far cuocere il pancake per un minuto circa su ciascun lato. Girarlo delicatamente con una spatola  e farlo cuocere fino a quando sarà dorato in superficie. Man mano che cuocete i pancakes sovrapponeteli su un piatto.

Ora occupatevi della farcitura:

adagiare un pancake per volta su un piatto, spalmare sopra un velo di crème fraîche o formaggio spalmabile e aggiungere il prosciutto crudo.

CONSERVAZIONE

I pancake si conservano in frigorifero dopo la cottura e senza farcitura per un paio di giorni. L’impasto si può conservare in frigorifero coperto con pellicola per un massimo di 12 ore. Sconsigliamo la congelazione.

Calorie e valori nutrizionali del pancake.

I pancakes hanno un apporto calorico non eccessivo, fornito fondamentalmente da carboidrati, lipidi e proteine.

VALORI NUTRIZIONALI medi  per 100 g di alimento

Calorie: 176 Kcal

Proteine: 6.70 g

Grassi: 5.60 g

di cui saturi: 2.09g
di cui monoinsaturi: 3.02g
di cui polinsaturi: 0.49 g

Colesterolo: 7.70 mg

Fibre: 1.10 g  

MILLEFOGLIE DI PATATE E PROSCIUTTO COTTO

Il millefoglie di patate e prosciutto cotto è un secondo piatto ricco e appetitoso, perfetto anche come piatto unico.

Viene preparato  con un impasto di ingredienti semplici come patate, prosciutto cotto, formaggio e latte.

Una ricetta facile e veloce che possiamo personalizzare a seconda dei propri gusti e della propria fantasia.

  • tempo di preparazione: 15 minuti
  • Tempo di cottura: 30 minuti
  • Totale: 45 minuti

Ingredienti per  4/6 persone

  • 800 g  di Patate
  • 200 g di Prosciutto Cotto
  • 200 g di Formaggio Edamer (tagliato sottile)
  • 75 g di Parmigiano Reggiano
  • Mezzo bicchiere  di Latte
  • 30 g di Burro
  • 1 cucchiaio di Olio Extravergine D’oliva
  • Sale

Come si prepara il Millefoglie di Patate e Prosciutto Cotto?

1.Sbucciare le patate, lavatele e con l’aiuto di una mandolina affettatele sottilmente.

2. Ungere una pirofila con un cucchiaio di olio extravergine di oliva ed aggiungere le patate, alternandole con strati di prosciutto cotto e formaggio edamer  tagliato sottile.

3. Continuare ad alternare fettine di patate, sale, parmigiano grattugiato, prosciutto cotto e fette di formaggio fino ad esaurire tutti gli ingredienti. Terminare con uno strato di patate, salare leggermente e spolverizzate con parmigiano grattugiato.

4. Completare il millefoglie di patate versando in superficie il latte, aspettando qualche minuto in modo che il latte scenda sul fondo della pirofila, cospargere con il restante parmigiano grattugiato tutta la superficie e terminare con qualche fiocco di burro.

5. Infornare in  forno preriscaldato a 180°C per 30 minuti, fino a quando si sarà formata una crosticina dorata e croccante in superficie.

6. Sfornare il millefoglie di patate e attendere qualche minuto prima di servire.

  1. Varianti e Consigli

Potete sostituire il prosciutto cotto con speck, mortadella o verdure grigliate e il formaggio edamer con mozzarella.

Le patate non cuocerle prima,  se le taglierete molto sottili cuoceranno direttamente in forno con l’aiuto del latte.

Conservazione

Il millefoglie di patatesi conserva in frigo per un paio di giorni massimo.

Calorie e Valori Nutrizionali delle Patate.

Le patate sono ricche di sali minerali, da cui si trovano potassio, calcio, sodio, fosforo, magnesio, rame, zinco, selenio, manganesee vitamine.

 Le patate dal punto di vista nutrizionale sono un alimento poco calorico: una porzione da 100 g contiene solo 86 kcal. Cotte al vapore o bollite sono un alimento privo di grassi, mentre apportano una buona quantità di carboidrati, circa il 18 % del peso, e una minima quantità di proteine, il 2% del peso.  

100 g di patate contengono 86 kcal  

Inoltre, per ogni 100 g di questo prodotto, abbiamo:

Acqua  78,50 g ;Carboidrati  17,90 g ; Zuccheri  0,4 g ;Proteine  2,1 g ; Grassi  1 g; Colesterolo 0 g; Fibra totale 1,6 g ; Sodio  7 mg; Potassio  570 mg;  Ferro  0,6 mg; Calcio  10 mg; Fosforo  54 mg; Magnesio  28 mg Zinco 1,24 mg; Rame  0,19 mg; Vitamina B1  0,1 mg; Vitamina B2  0,04 mg; Vitamina B3  2,5 mg; Vitamina A 3 mg; Vitamina C 15 mg.