Chiesa anticlericale

Il ministro dell’Interno della Baviera, Markus Sodede appoggiato  dall’intero consiglio dei ministri ha reintrodotto la croce in tutti gli uffici pubblici quale «chiaro segno della tradizione cristiana». Come logica avrebbe suggerito, i primi ad indignarsi avrebbero dovuto essere gli atei e gli anticlericali, paradossalmente invece, a schierarsi contro sono state le gerarchie ecclesiastiche tedesche capitanate dal card. Reinhard Marx. Il pupillo di Papa Francesco (Il 13 aprile 2013 lo nominò membro del Consiglio dei cardinali e il 12 marzo 2014 presidente della Conferenza episcopale tedesca) ha rimproverato i “nuovi crociati” ricordando loro che tale provvedimento produrrebbe «animosità, divisioni e disagi». L’anno scorso in giugno, papa Francesco si recò a Barbiana per omaggiare la tomba di don Lorenzo Milani, il prete “sessantottino” divenuto celebre per aver tolto i crocifissi dalle aule della scuola che aveva fondato. Che sia per la collegiale visione teologica ai due prelati che il papa più amato dai non cristiani ha preferito non commentare l’anticlericalismo del Card Marx?
Gianni Toffali

Be the first to comment on "Chiesa anticlericale"

Leave a comment