Di Maio: “Vogliono far cadere il governo per salvare la poltrona: a settembre tagliamo 345 parlamentari”

Di Maio è convinto di aver capito il problema che c’è dietro i tanto millantati problemi di tenuta del governo: i parlamentari che rischiano il posto non vogliono ritrovarsi a settembre senza un lavoro

ROMA – “Ormai troppa gente fa il tifo perché questo governo cada. Ci ho riflettuto e credo di sapere quale sia stato il vero motivo scatenante. Non tutti sanno, visto che pochissima stampa ne parla, che a settembre finalmente ci sarà l’ultimo voto per il taglio del numero dei parlamentari. Si tratta dell’ultimo piccolo passo ed è fatta”. Lo scrive il vicepremier Luigi Di Maio su Facebook, parlando di “occasione storica”.

Il ministro spiega che nella “seconda settimana di settembre, fra circa 8 settimane il taglio dei parlamentari sarà realtà: 345 parlamentari in meno a cui non vogliamo più regalare né soldi né privilegi. Sono 50 anni che aspettiamo questo momento per mandare a lavorare un po’ di quella gente. Il trambusto intorno al governo è legato a questo. Ma ve li immaginate senza poltrona mentre si cercano un lavoro come tutte le persone normali? È quindi chiaro che, chi vuole buttarci giù, è chi vuole restare nella preistoria per tenersi stretto il suo posto a Roma. Ma noi non ci arrendiamo. Taglieremo i parlamentari e cambieremo davvero il Paese”, conclude.

Marta Tartarini . «Agenzia DIRE» e l’indirizzo «www.dire.it»