Docenti precari, i numeri del Ministro non tornano: anche quest’anno più di 100mila supplenti, il 75% della PA

Replica del sindacato Anief, attraverso il suo presidente nazionale Marcello Pacifico, alle stime al ribasso di Bussetti: gli insegnanti in servizio l’anno scolastico scorso durante le ultime elezioni RSU, svolte in primavera, ammontavano a un milione di unità. Come mai oggi ci si ferma a nemmeno 800 mila? Ancora una volta si cerca si sminuire il fenomeno, che è invece mastodontico: la percentuale di docenti precari è del 13%, ovvero i tre quarti dei lavoratori non di ruolo dell’intera amministrazione pubblica. Siamo pronti a confermare tutto con un incontro al Miur.

 

 

Ancora una volta i grandi numeri della scuola si plasmano e utilizzano per supportare le proprie tesi: a cedere alla tentazione comune è stato oggi anche il Ministro dell’Istruzione, che nel corso di un’intervista alla stampa, ripresa da Orizzonte Scuola, ha detto che “le supplenze dell’a.s. 2018/19 saranno circa 80.000, e i supplenti saranno dunque il 10% degli insegnanti in servizio, che sono 700.000”. Quindi, secondo Bussetti. “la supplentite esiste, ma se rapportata al numero totale degli insegnanti in servizio non assume contorni così catastrofici”.

 

In ogni caso la precarietà è da sconfiggere. Dovranno rimanere solo le supplenze temporanee, sogno e obiettivo di ogni Ministro che si sia seduto a Viale Trastevere”. Pertanto, “il Ministro ha detto che occorre al più presto “ripensare il reclutamento degli insegnanti” e per farlo “serve una visione pluriennale, ripensando i meccanismi di reclutamento. Il primo passo sarà quello di procedere ad una mappatura dei posti disponibili, in modo da bandire concorsi con posti ben precisi. In questo modo il docente sceglierà la regione in cui svolgere il concorso con la consapevolezza di ciò a cui andrà incontro”.

 

Secca la replica del sindacato Anief, attraverso il suo presidente nazionale Marcello Pacifico. Al quale non tornano i conteggi espressi da Bussetti: “La quantità di personale docente in servizio l’anno scolastico scorso durante le ultime elezioni RSU, svolte in primavera, ammontava a un milione di unità. Come mai oggi il Ministro dell’Istruzione si ferma a meno di 800 mila?”, chiede Pacifico. “L’ipotesi che si giochi con i numeri per cercare di sminuire la piaga del precariato scolastico è quindi più che lecita”.

 

“Perché – continua il sindacalista autonomo – con le quantità reali, considerando anche le immissioni in ruolo perse, una su tre, che porteranno le supplenze ad oltre 100mila unità, la percentuale di insegnanti precari sale al 13%: considerando che stiamo parlando del comporto più grande d’Italia, si tratta del 75% di lavoratori non di ruolo di tutta la pubblica amministrazione. Siamo convinti dei nostri numeri e pronti anche ad un incontro al Miur, dove portare le carte che confermano tutto. Ecco perché Anief è pronta a far risarcire tutti in tribunale. Inoltre, siamo pronti a citare di nuovo lo Stato italiano in giudizio per verificare se, per l’abuso dei contratti a termine, le sanzioni vigenti applicate alle autorità pubbliche (l’indennità forfettaria, il risarcimento per la perdita di opportunità e la responsabilità dirigenziale) siano effettive e dissuasive da garantire la piena efficacia delle disposizioni adottate in applicazione delle norme UE”.

 

“Infine, sugli organici dei lavoratori della scuola non bisogna fare alcuna mappatura o un’inchiesta. L’unica cosa che c’è da fare è quella di trasformare tutto l’organico di fatto in quello di diritto e assumere sui posti vacanti: quelli attuali e quelli che si verranno a determinare con tale operazione. Sino ad allora, le famiglie continueranno a pagare risarcimenti, per colpa di politici o amministratore incompetenti”, conclude Pacifico.

 

Be the first to comment on "Docenti precari, i numeri del Ministro non tornano: anche quest’anno più di 100mila supplenti, il 75% della PA"

Leave a comment