Endometriosi, la ginecologa: “Ecco come si cura”

L’endometriosi è una patologia molto seria e sottovalutata. Abbiamo intervistato Chiaralba Risuglia, ginecologa e sessuologa clinica

ROMA – L’endometriosi è una patologia molto seria, che può accompagnare le donne sin dalla prima mestruazione, eppure molto sottovalutata. Abbiamo chiesto a Chiaralba Risuglia, ginecologa e sessuologa clinica, di spiegarci qualcosa su questo: diffusione, caratteristiche, sintomatologia e cura. 

Che cos’è l’endometriosi?

‘L’endometriosi è la presenza di tessuto endometriale che normalmente è quella mucosa che riveste la parte interna dell’utero anche al di fuori dell’utero. La sua diffusione in Italia è del 5% circa. Le localizzazioni più frequenti sono ovariche e tubariche ma questo tessuto endometriale può esistere anche tra la vescica e la vagina. Per capirci: se consideriamo vescica-vagina-retto come tre appartamenti di un unico condominio, la vescica sta al piano di sopra e tra vescica e vagina può esserci una localizzazione endometriosica, come anche tra retto e vagina. I sintomi sono diversi in base anche alle localizzazioni e in base alla grandezza delle localizzazioni e alla diffusione. 

Il sintomo è il dolore, molto simile al dolore che si prova durante la mestruazione, a volte più intenso e a volte anche non necessariamente durante il sanguinamento; questo endometrio ispessendosi in localizzazioni che non sono tipiche può creare del dolore. Ad esempio se la localizzazione è tra vagina e vescica i sintomi possono essere più urinari, se invece è tra retto e vagina possono essere più i sintomi durante la defecazione. 

«Agenzia DIRE» e l’indirizzo «www.dire.it»