Galletti: qui c’è la tecnologia giusta per aiutare l’ambiente

Il rombo delle Ferrari. Lo spettacolo dei paracadutisti dell’Esercito che si lanciano da 3.000 piedi e centrano il bersaglio che li attende nell’Area 48 tra uno scroscio di applausi. E poi, il futuro del settore dell’auto, in gran parte legato allo sviluppo della mobilita’ elettrica. Si alza il sipario sul Motor show 2017. Madrina della manifestazione la showgirl Giorgia Palmas, che al taglio del nastro affianca il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. “Non e’ un caso che ad inaugurare il Motor show ci sia il ministro dell’Ambiente, proprio perche’ qui c’e’ tecnologia, una parte importante dell’economia, che ha tra i suoi obiettivi principali di sviluppo il futuro dell’ambiente. Penso all’auto elettrica, all’auto ibrida e ai nuovi carburanti che si affacciano sul mercato”, spiega Galletti. “Tutto questo ci aiuta nella lotta ai cambiamenti climatici e ci aiuta nella lotta a sconfiggere l’inquinamento che qui a Bologna e nella pianura padana e’ un elemento di criticita’”, osserva il ministro. “Abbiamo appena approvato la Sen, la strategia energetica nazionale, dove si punta sull’auto elettrica e sui carburanti che sono ambientalmente corretti. Lo facciamo incrementando di molto la produzione dell’energia rinnovabile, che sta alla base del funzionamento sostenibile dell’auto elettrica”, aggiunge il ministro, che, prima dell’apertura del salone bolognese ha chiuso i lavori del convegno inaugurale, proprio dedicato al futuro delle auto elettriche a cui ha partecipato Jack Cheng, numero uno di Nio, azienda cinese che ha gia’ raccolto risorse finanziarie per 5 miliardi di euro e che sta lanciando una gamma completa di vetture elettriche tra cui quella piu’ veloce al mondo. Terminata la parte congressuale, la kermesse entra nel vivo con le gare, i test drive e le esibizioni.

 

Fonte Agenzia Dire

Be the first to comment on "Galletti: qui c’è la tecnologia giusta per aiutare l’ambiente"

Leave a comment