Il calendario 2021 dedicato ad un paese speciale

Il calendario 2021 dedicato ad un paese speciale

Trevi Nel Lazio, Un omaggio del Sindaco Silvio Grazioli alla sua comunità

Trevi Nel Lazio è un paese splendido, ricco di storia, di tradizioni, di scorci ambientali unici, che ne fanno un paese speciale. Il Primo Cittadino l’avv. Silvio Grazioli ancora una volta ha sottolineato il suo amore per questo paese, dimostrandolo non solo da amministratore, investendo con successo la sua capacità gestionale ed i risultati sono continui e costanti, ma anche come ammiratore di questo paese, condividendo la bellezza di Trevi con la comunità. Infatti per iniziare al meglio  con positività questo nuovo anno il 2021, conosciuto come l’anno della rinascita, Il Sindaco Grazioli su iniziativa personale, ha voluto omaggiare la cittadinanza di un bel calendario dedicato al paese: “Trevi un paese speciale”. “Il 2021 rappresenterà per tutta la comunità internazionale un anno cruciale –scrive con sentimento sincero il Sindaco Silvio Grazioli-  nel quale si spera possa essere superata l’attuale emergenza sanitaria, che ha cambiato in maniera incisiva e profonda le nostre abitudini e le nostre certezze, ed ha messo a nudo la fragilità dell’uomo contemporaneo, il quale, grazie alla tecnica ed alla scienza pensava di aver raggiunto un grado di benessere irreversibile. E’ bastato un piccolo virus per mandare tutto in frantumi, ed ora, come in una guerra disastrosa, bisogna ricominciare daccapo, dal punto di vista economico, ma anche da quello sociale e morale. Ed anche la nostra comunità nel suo piccolo deve ricominciare a progettare, a guardare al futuro, partendo dalla straordinaria forza che sanno donare le nostre montagne a chiunque intraprenda il cammino sui sentieri della nostra Valle, con l’animo disposto a ricevere e dare bellezza, quella dei boschi secolari, delle distese verdi, degli animali selvatici che la abitano, dei cammini che l’attraversano a cominciare da quello di San Benedetto e di San Pietro Eremita, delle chiese, degli affreschi, dei dipinti che incantano ogni visitatore, del castello, con la torre lanciata verso il cielo, dove i cirri si confondono con l’azzurro e sembrano proiettare il nostro sguardo al di là dell’orizzonte; dei vicoli medioevali che raccontano storie  e leggende che si perdono nel fiabesco e nel fantastico della notte dei tempi, insieme al fiume che ne raccoglie i segreti e li porta a confluire nel mare del futuro, con le testimonianze dell’antica Roma, dall’Arco di Trevi alle mura megalitiche, dagli acquedotti ai resti museali, che raccontano di un antico splendore. Ed è questa luce che dobbiamo riaccendere, questo faro che illumina l’intera valle, e fa del nostro un paese speciale”.