“La banda di Antrodoco esegue la prima mondiale dell’inno a San Maurizio martire”

Gli Alpini della Sezione di Roma in prima fila per il loro Santo Patrono

La banda musicale di Antrodoco diretta e presieduta dal maestro Benedetto Chiarini Petrelliin data 1 dicembre in occasione del 14° Concerto per Santa Cecilia tenutosi presso il teatro Sant’Agostino di Antrodoco, ha eseguito la prima esecuzione dell’Inno a San Maurizio Martire scritto e composto dal maestro Piero Raffaelli, armonizzato dal grande direttore d’orchestra Giorgio Babbini, entrambi cesenati. L’inno a San Maurizio Martire, è stato un omaggio degli autori a Sergio Paolo Sciullo della Rocca decorato medaglia d’Oro Mauriziana della Repubblica Italiana del Corpo degli Alpini artefice di numerose opere alpine dedicate al Santo Martire. Inno questo, destinato a raggiungere le parrocchie nel mondo

intitolate al Santo. Giova ricordare che San Maurizio, è Patrono delle Armi, dei Decorati Medaglia d’Oro Mauriziana interforze di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri, Guardia di Finanza, protettore degli Alpini, dei cavalieri e della gente di montagna. All’esecuzione della prima hanno assistito la popolazione locale, le rappresentanze delle Associazioni Militari Combattentistiche e d’Arma,gli alpini della Sezione ANA di Roma coordinati dal Vice Presidente Antonio Santopinto, e una delegazione dell’Accademia Culturale Internazionale San Giovanni Crisostomo di L’Aquila presieduta da Giuseppe Del Zoppo che ha consegnato al maestro Chiarini Petrelli il certificato storico dell’evento. Nell’occasione è stata data lettura del messaggio augurale inviato da Sciullo della Rocca, che ha elogiato la Banda di Antrodoco per questa sua prima esecuzione mondiale, evidenziando come l’Inno composto di due grandi musicisti, abbia messo in atto il meglio della propria esperienza, permettendo la realizzazione di un unicum dove il tempo dell’inno è un sicuro trionfo angelico per la giusta solennità di San Maurizio. Questa prima esecuzione presentando accordi energici e ritmo marziale è stato subito scandito da una “standing ovation” dalla folla entusiasta che con ripetuti applausi ha voluto tributare ai componendi della banda la propria approvazione e soddisfazione per questa esecuzione perfetta e armonica che è stata una vera voce per lo spirito umano. Giova ricordare che i musicisti della banda di Antrodoco sono tra i maggiori interpreti della musica sacra contemporanea, è sono stati anche i primi a rendere omaggio in musica alla memoria del Cardinale Federico Tedeschini, un grande religioso del novecento sempre nel cuore dei fedeli in Italia e all’estero che già da anni lo venerano come un Santo.