La cucina laziale: i fiori di zucca

I fiori di zucca con mozzarella e acciughe fanno parte dei piatti della tradizione culinaria romana.

Possono essere consumati  come contorno o antipasto in ogni momento del giorno, sia in primavera che in estate.

fiori-di-zucca-fritti.jpgE’ un contorno appetitoso e semplice da preparare in casa.

Ci sono poche regole per prepararli, ma vanno seguite come se fossero leggi.

Per prima cosa, la pastella non prevede lievito, ingrediente presente nella ricetta campana.

Teoricamente si dovrebbe usare un formaggio di latte a pasta filata, simile alla mozzarella, o al massimo del fior di latte, ma mai la mozzarella di bufala, troppo acquosa per questa ricetta.

E’proibita anche la pasta di acciughe: basta trovare mezza acciuga sott’olio.

E’superfluo ribadire che i fiori di zucca ripieni alla romana sono solo fritti, al forno non sarebbero la stessa cosa.

Ecco come preparali seguendo la ricetta tradizionale romana.

 

Fiori di zucca fritti.
Ingredienti e dosi per 5  persone:

 

  • 10 fiori di zucca grandi
  • Sale q.b.
  • 10 filetti di acciughe sott’olio
  • 300 gr di mozzarella
  • olio di semi di girasole (per friggere) q.b.

 

 

Informazioni di base

Tipo di ricetta: antipasto
Cucina: tradizionale romana
Preparazione: 35 min
Cottura: 5 min
Tempo Totale: 35 min
 

 Quali sono gli ingredienti per  fare la pastella?

 

  • 100 g di farina “00″
  • 200 ml di acqua frizzante freddissima

 

Preparazione e cottura dei fiori di zucca.

 

1 . Prima di pulire i fiori, mettere a scaldare  l’olio di semi  in una pentola grande,  portandolo ad una temperatura di circa  150°C./160°C .

2. Lavare i fiori di zucca, togliere il pistillo e le foglioline esterne con le mani.

3. Appoggiare i fiori lavati su un canovaccio per  farli asciugare perfettamente .

4.  Aprire i fiori, inserire delicatamente all’interno un filetto di acciuga e un pezzetto di mozzarella. Quando si utilizza la mozzarella per riempire i fiori di zucca è bene tagliarla in anticipo,  lasciarla scolare su un colino, perché è un formaggio molto umido e l’acqua contenuta potrebbe rovesciarsi nell’olio, causando schizzi. In alternativa è possibile utilizzare la mozzarella che ha 3-4 giorni, più soda e compatta di quella fresca. Per non far fuoriuscire il ripieno in frittura, i fiori si possono “chiudere” leggermente nella parte superiore.

5. Preparare la pastella mescolando farina e acqua frizzante, evitando di creare granelli, che possono risultare fastidiosi anche dopo la cottura.  La pastella deve essere  fluida, ma sufficientemente densa da attaccarsi alla superficie dei fiori. Se necessario, effettuare piccole aggiunte di farina o di acqua per modificare la consistenza del composto. Per avere  una pastella croccante l’acqua deve essere frizzante e freddissima,  questo perché lo sbalzo  termico che avviene in cottura (pastella fredda e olio bollente) produrrà una copertura asciutta  e croccante.

6. Quando l’olio è caldo passare ogni singolo fiore nella pastella e quindi immergetelo nella padella per la frittura. Lasciarli cuocere, girando fino a doratura completa  da entrambi i lati.  In genere servono circa 1-2 minuti per lato. E’ necessario friggere pochi pezzi per volta. Questo eviterà di far scendere la  temperatura dell’olio e quindi aumentare inevitabilmente il tempo di cottura dandovi un  fritto molle e intriso di olio.

7. Scolare i fiori dall’olio e poneteli su carta assorbente da cucina,in modo che scoli l’olio in eccesso.

 

I fiori di zucca vanno mangiati subito, ancora caldi, con un pizzico di sale.

Be the first to comment on "La cucina laziale: i fiori di zucca"

Leave a comment