La Cucina Laziale. La Crostata di Ricotta e Visciole

La crostata di ricotta e visciole è un dolce tipico della cucina ebraico romana. Si prepara con una base di classica pasta frolla e un morbido ripieno realizzato con visciole e crema di ricotta.

Sembra che le origini di questo dolce siano ebraiche e risalgano al Settecento, quando alcuni editti papali proibirono agli ebrei la vendita di latticini ai cristiani, alcuni fornai per eludere i controlli delle guardie papali, decisero di nascondere la ricotta tra due strati di pasta frolla, confondendola con le visciole per renderla meno visibile .

Per gustare questa specialità, bisogna solo recarsi nelle storiche pasticcerie del ghetto ebraico di Roma perché la ricetta è ancora oggi segreta e custodita gelosamente dai pasticceri che se la tramandano da generazioni.

La ricetta che vi proponiamo e’ quella tipica romana di derivazione ebraica.

Gli ingredienti fondamentali per realizzare la crostata di ricotta e visciole sono solo due:

  1. Un’ottima ricotta di pecora. .
  2. Le visciole.

 

Ingredienti per 5/6 persone

PER LA PASTA FROLLA:

250 gr. di farina 0
125 gr. di  burro
100 gr.  di zucchero
1 uovo e 1 tuorlo
la scorza di un limone non trattato
1 pizzico di sale

PER LA FARCITURA

300  gr. di ricotta di pecora
230 gr di visciole denocciolate. In alternativa: 1 barattolo di marmellata di visciole o amarene o ciliegie.
140 gr.  di zucchero
2 uova +1 tuorlo per spennellare
un bicchierino di sambuca

Preparazione:

Per preparare la crostata con le visciole le  fasi sono due: la pasta frolla e il ripieno.
Prima di cominciare la preparazione della pasta frolla, snocciolare le visciole e scolare con un colino la ricotta che dovrà diventare completamente asciutta.

Preparare  una teglia da forno: imburrare ed infarinare.

 

Preparazione della pasta frolla

Su una spianatoia disporre la farina a forma di fontana, fare un incavo nel mezzo e  versare tutti gli ingredienti necessari: lo zucchero, il burro freddo tagliato a pezzettini, l’uovo intero, il tuorlo, un pizzico di sale e la scorza di un limone grattugiata.
Impastare bene e far riposare l’impasto in frigorifero per un paio di ore.

 

Prepara il ripieno: in un a ciotola sbattere le uova con lo zucchero, aggiungere  la ricotta e un bicchierino di sambuca.  Amalgamare tutti gli ingredienti sino ad ottenere un composto liscio ed uniforme.

 

Riprendere in mano la pasta frolla: mettere da parte ¼ dell’impasto che poi utilizzerete per decorare la crostata, stendere gli altri ¾ e formare una sfoglia liscia ma non eccessivamente sottile.
A questo punto, prendere la teglia precedentemente imburrata e infarinata, stendere la sfoglia e  versare all’interno il ripieno di ricotta e le visciole. In alternativa alle visciole si può usare la confettura di visciole, amarene o ciliegie.

Prendere l’ impasto che avevate messo da parte e realizzare delle sottili striscioline che andrete a porre sulla crostata a forma di griglia.

Spennellare la superficie della crostata con il tuorlo d’uovo precedentemente sbattuto con una forchetta e infornare per circa 45 minuti nel forno già caldo a  170°, controllare la cottura fino a che l’aspetto non sarà dorato.

A cottura sfornare la crostata, fatela intiepidire prima di tagliarla e servirla.

Be the first to comment on "La Cucina Laziale. La Crostata di Ricotta e Visciole"

Leave a comment