L’Accademia Kronos a tutela della fauna selvatica

L'Accademia Kronos a tutela della fauna selvatica

Piglio, Bruni: “Con la collaborazione del Colonnello Minniti, creeremo un riferimento sul territorio”

Aumentano sempre di più i casi di soccorso alla fauna selvatica, rinvenuta in difficoltà in un ambiente urbanizzato come la provincia di Frosinone e le cause dei ricoveri sono molteplici: ferite da arma da fuoco, impatto con autoveicoli e con cavi sospesi, intossicazione da pesticidi, caduta di giovani volatili dal nido e sequestri per illegale detenzione, commercio o uccellagione. L’Accademia Kronos sezione provinciale di Frosinone,  continua nella formazione dei propri volontari con corsi  tenuti da veterinari dell’Arma dei Carabinieri e dell’Asl Veterinaria, trovandosi spesso a dover intervenire nel recupero della fauna selvatica in difficoltà per poi essere portata nei vari CRAS  (Centri  Recupero Animali Selvatici) del Lazio dei carabinieri forestali.  Nei giorni scorsi il coordinatore dell’Accademia Kronos Armando Bruni, ha incontrato presso la sede provinciale di Piglio , il colonnello dei carabinieri  Carlo Alberto Minniti che è all’ufficio di vertice della Direzione veterinaria del Comando generale dei carabinieri a Roma. “Il colonnello Minniti –ha sottolineato il comandante Bruni- oltre ad essere un caro amico  è un ufficiale di grande spessore e professionalità, e tra l’altro uno dei docenti dei nostri corsi di specializzazione nel recupero della fauna selvatica. L’incontro dei giorni scorsi è stato molto proficuo,  perché da esso è nata l’idea di creare qui a Piglio, su un terreno privato già disponibile,  un CRAS  temporaneo. Nel particolare si tratta di una struttura a norma, che possa accogliere la fauna selvatica in difficoltà, offrirle le prime cure di soccorso e nell’arco delle 24 ore trasferirla nei centri specializzati. Il colonnello Minniti sarà un nostro supervisore al riguardo indicandoci il percorso da seguire, tanto da far diventare la nostra struttura un progetto guida di riferimento . Credo-conclude Bruni– che sia un progetto importante, con basi solide e con una finalità lodevole. Ancora una volta l’Accademia Kronos dimostra il suo interessamento per il territorio e la salvaguardia in questo caso della fauna selvatica”.