Mancano 11 giorni alla presentazione delle liste ed “Unione e Cambiamento” non ha il suo candidato

Mancano 11 giorni alla presentazione delle liste ed "Unione e Cambiamento" non ha il suo candidato

Trevi Nel Lazio, Nessuna strategia , solo mancanza di una scelta condivisa sul nome

Tempus fugit : ‘sfugge, il tempo irrecuperabile’, non c’è frase migliore per delineare l’attuale situazione, che si sta consumando in vista delle amministrative di Trevi Nel Lazio, dove il movimento Unione e Cambiamento  ancora non ha indicato il nome del suo candidato a Sindaco che sfiderà  l’uscente Silvio Grazioli. Come disposto dalla legge elettorale in vigore, il termine ultimo per la presentazione delle liste dei candidati è il 20 agosto, dunque a 11 giorni dalla presentazione delle liste, manca il nome del candidato.  

Non c’è nulla di strategico in ciò, se di strategia si vuol parlare, ma in modo del tutto naturale ,  porta chiunque a pensare a  due  possibilità: o non c’è nessun esponente disposto a guidare con la candidatura il movimento, oppure c’è più di una persona  disposta ,che ambisce a tale ruolo, quindi inevitabilmente si crea uno scontro interno. Questa seconda opzione è quella che molti sostengono  a Trevi, e che paradossalmente evidenzia una situazione di caos, in questo movimento che era stato esaltato come la risposta attesa da tempo per il cambiamento, e che avrebbe proiettato Trevi  all’apice del successo amministrativo; se il buongiorno si vede dal mattino più che portare Trevi all’apice amministrativo, lo può portare solo al margine di un  precipizio.

“A causa dell’effetto covid mancano molti spettacoli in quest’estate  trebana   –commentano alcuni cittadini- però  apprezziamo  lo spettacolo che gratuitamente ci stanno facendo assistere alcuni esponenti locali del movimento, che si stanno mettendo in evidenza  perdendosi in vuote chiacchiere con attacchi gratuiti verso gli amministratori, quando invece dovrebbero mostrarci che cosa vogliono fare in caso di vittoria.  Avrebbero potuto evitare  di perdere tutto questo tempo, puntando da subito sull’unico politico riconosciuto, il consigliere di minoranza Pietro Bianchini e non capiamo perché si è titubanti sulla sua scelta, è doveroso e corretto che dopo 5 anni in Consiglio Comunale, gli venga riconosciuta la possibilità di candidarsi”.  Nell’attesa di conoscere lo sfidante del Sindaco Grazioli, il tempo continua a trascorrere….