Messina pronta ad accogliere Vienna Cammarota

La prima donna al mondo a percorrere a piedi il viaggio sulle orme di Goethe, arriverà al Salone delle Bandiere, Venerdì 14 Giugno alle ore 10 e 30.

 

Sarà accolta dall’Amministrazione Comunale, dalla Città, dall’Università, da tutto il mondo accademico.

Interverrà : Filippo Camerlenghi, Presidente Nazionale dell’AIGAE

 

 

Vienna Cammarota, anni 68, prima donna al mondo, guida AIGAE,  sulle orme di Wolfgang Goethe, 231 anni dopo lo scrittore tedesco.

 

Per lei, a Paternò è nata la “Pizza di Goethe”

 

 

Cammarota: “Ho trovato la locanda dove Goethe si fermò per il cambio dei cavalli e per riposarsi lungo la strada per Catania. E’ in completo stato di abbandono ma sono riuscita ad entrare ed anche a salire al piano superiore dove si trovano le camere. Si tratta di un sito che è in aperta campagna”.

 

Ben 148 borghi attraversati, 2650 chilometri a piedi, 300 giorni, di cui 130 trascorsi a camminare. Ora l’impresa è vicina. Oggi arrivata a Taormina a piedi dalla Repubblica Ceca.

 

Il suo zaino con la bandiera italiana ha emozionato i ragazzi delle scuola

 

“Ho trovato la locanda dove Goethe si fermò per il cambio dei cavalli e riposare per una notte, mentre si stava avvicinando a Catania. Si chiama Funnacu a Cubba. L’ho trovato in aperta campagna, l’ho filmato e fotografato. Con me c’era un’altra Guida AIGAE. Purtroppo è in completo stato di abbandono. Noi siamo riusciti ad entrarci dentro. Io sono stata accompagnata da una persona che conosce il posto. Abbiamo scoperto la cucina, il forno, addirittura l’abbeveratoio. Io ho voluto filmare. Sono entrata dentro alle camere che con ogni probabilità hanno ospitato Goethe. Sarebbe importante intervenire e recuperare, restaurare l’intero stabile, tutto l’edificio che si trova in aperta campagna siciliana. Stiamo parlando di un posto che ha ospitato Goethe nel 1787”. Lo ha affermato con forza, Vienna Cammarota la Guida Ambientale Escursionistica AIGAE, prima donna al mondo di anni 68 che sta percorrendo a piedi il Viaggio sulle orme dello scrittore tedesco Wolfgang Goethe. Vienna è partita il 28 Agosto del 2017 da Karlovy Vary, Repubblica Ceca ed a piedi ha raggiunto l’Etna. “Sappiamo benissimo che Goethe si fermò a Nicolosi – ha proseguito Cammarota – perché le condizioni meteorologiche non gli diedero l’opportunità di salire ai crateri”. Vienna è sbarcata a Palermo il 28 Aprile scorso accolta dalla stampa ma anche dal mondo intellettuale femminile. Ha visitato, grazie all’invito di Chiara Modica Donà dalle Rose, i padiglioni della Biennale di Arte Sacra a Palazzo Alliata dei principi di Villafranca ed a Palazzo Riso. Poi è stata brillantemente accolta a Villa Niscemi, sede di Rappresentanza del Comune di Palermo, dal sindaco Leoluca Orlando. Tv, radio, carta stampata hanno dato ampiamente risalto all’impresa in Germania, Austria, ed in tutte le regioni italiane.

“Ringrazio  la stampa – ha continuato Cammarota- anche perché  stiamo facendo conoscere Goethe ai ragazzi. Oggi tanti giovani si avvicinano per raccontarmi storie ma anche per porgermi domande sul turismo ambientale”. E non bisogna dimenticare che grazie al Viaggio in Italia di Goethe, dal 1786 al 1788, poi divenuto libro nel 1818, nacque il Gran Tour. Le cifre dell’impresa di Vienna, paladina dell’unità dei popoli ma anche ambasciatrice dell’ambiente, sono davvero importanti. Vienna, fino ad oggi ha attraversato 148 tra borghi e città, incontrato più di 70 sindaci, percorso a piedi 2650 chilometri. “Ora sono a 50 Km da Messina dove arriverò il 14 Giugno accolta dall’Università e dalla città – ha continuato Cammarota –  e dalla platea di studenti universitari”. Ed intanto grazie alla spinta di Vienna, sono molti i paesini che stanno dando vita a conferenze sull’importanza del Turismo Ambientale. L’Italia sta scoprendo nuovi orizzonti. “In questi giorni ho trovato borghi davvero unici –  ha dichiarato Cammarota– come ad esempio Agira. Un borgo da visitare con vicoli, panorami e Castello, ma anche Aragona con la straordinaria accoglienza del sindaco. Oppure le Riserve Naturali di notevole splendore, ad esempio ho visitato la Riserva di Monte Capodarso e Valle dell’Imera”.

A Paternò, dove è stata accolta dal sindaco, un gruppo di pizzaioli ha preparato per Vienna la “Pizza di Goethe”.

E poi “ho visitato l’Oasi di Ponte Barca sul Simeto – ha proseguito Cammarota –   ma anche le saline. Ad Aci Castello il custode mi ha accolto con una struggente storia d’amore e soprattutto mi ha mostrato e letto lo scritto di Goethe. Accolta dal direttore sono andata alla ricerca degli “zeoliti”,  Un custode della poesia. A Catania, con l’instancabile Violetta Francese,Coordinatrice delle Guide Aigae della Sicilia, ho visitato l’Orto Botanico ma è una città ricca d’arte e ricordi. Sono riuscita a trovare l’albergo dove Goethe ed il pittore paesaggista Kniep si fermarono dopo ben 12 giorni di cammino. Poi ho visto il Teatro Bellini. Ed ancora a Nicolosi dove Goethe scrisse: “la purezza dei contorni, la morbidezza di ogni cosa, la cedevole scambievolezza delle tinte, l’unità armonica del cielo col mare e del mare con la terra….. Chi li ha visti una sola volta li possiederà per tutta la vita”… Goethe è stato il migliore divulgatore della Sicilia. A Nicolosi, porta dell’Etna, sono stata accolta dal sindaco. Ovviamente sono entrata nel cuore del Parco dell’Etna con le sue 500 grotte vulcaniche. Poi ho visto Linguaglossa ed anche in questo caso non è mancata l’accoglienza del primo cittadino. A Sant’Alfio, il sindaco mi ha accompagnato al Castagno dei Centocavalli riconosciuto dall’Unesco . Non sono mancate le visite a Castiglione di Sicilia ed a Lauria”.

Sono centinaia le persone che la contattano sulla pagina Facebook nella speranza che Vienna possa passare per un borgo o per una strada. “L’accoglienza in Sicilia è stata unica – ha concluso Vienna Cammarota – dalle istituzioni politiche alle scuole, alla gente per strada. Il cammino è incontrarsi”.

Ora c’è Messina ad attendere Vienna Cammarota, pronta a coprire gli ultimi 50 km, sempre esolamente a piedi. Venerdì 15 Giugno, alle ore 10 e 30, Salone delle Bandiere in Piazza Municipio a Messina. Sarà la città ad accoglierla in modo trionfante. Saranno l’Amministrazione Comunale, il mondo Accademico, l’Università di Messina,  il Presidente Nazionale dell’AIGAE, Filippo Camerlenghi, ad accogliere Vienna Cammarota. Alle ore 11 il briefing stampa con immagini e testimonianze del viaggio di Vienna Cammarota.

Be the first to comment on "Messina pronta ad accogliere Vienna Cammarota"

Leave a comment