Municipio IX. Orti urbani a Casal Brunori. Lepidini: "Troppe ombre. Vogliamo vederci chiaro"

“La vicenda dell’orto urbano a Casal Brunori, da realizzarsi nell’ambito del progetto europeo SIDIG MED, potrebbe riaprirsi e finalmente chiudersi positivamente qualora vada a buon fine la richiesta di proroga al 30 giugno 2016 per la conclusione delle attività progettuali, avanzata già ai primi di marzo alle autorità capofila del progetto europeo”. Lo dichiara in una nota Alessandro Lepidini (PD), presidente della Commissione ambiente del IX Municipio.

“In questo quadro è stato particolarmente positivo che il Comitato di quartiere abbia proposto una nuova e diversa area rispetto alle altre due in precedenza  scartate.  Tuttavia, – prosegue il consigliere democratico – va chiarito il perché in una lettera di gennaio il dipartimento tutela ambientale, oltre ad intimare perentoriamente l’individuazione di altra area e pur ammettendo la non realizzazione del PVQ, motivava la presunta inidoneità dell’area proposta  con il fatto che “ la procedura di acquisizione dell’area risulterebbe complessa e richiederebbe tempi ben maggiori di quelli imposti dal progetto europeo SIDIG MED”.

“Questo argomento, tanto nei fatti e quanto in termini di diritto si è rilevato non fondato, riducendosi in una presa di posizione di contrarietà apparentemente insuperabile da parte del dipartimento capitolino che però ha di fatto pesantemente danneggiato un intero quartiere che gli orti attendeva da anni. “Va inoltre ricordato – continua Lepidini – che l’area in questione era eventualmente compatibile con le destinazioni del punto verde qualità che vi prevedeva area destinata ad orti e che il dipartimento ambiente provvede alla manutenzione dell’area. Se interverrà la proroga come tutti auspichiamo – conclude Lepidini – credo che la partita per l’area all’interno del PVQ vada necessariamente riaperta proprio perché il Dipartimento capitolino dovrà chiarire il perché del suo irremovibile no”.