Notte licei classici, i cambiamenti al ‘Gulli e Pennisi’

Notte licei classici, i cambiamenti al ‘Gulli e Pennisi’

Rocco Schembra, ideatore dell’iniziativa, spiega le attività ad Acireale

CATANIA- Domani 436 licei classici d’Italia celebreranno la sesta edizione della ‘Notte nazionale del liceo classico’. Come ogni anno il liceo classico ‘Gulli e Pennisi’ di Acireale (Catania) dalle 18.00 alle 24.00 aprirà le porte alla cittadinanza per celebrare la cultura classica e per mostrare la vitalità degli studi umanistici nella loro versatilità e complessità.“La Notte nazionale- ha raccontato a diregiovani.it Rocco Schembra, ideatore dell’evento e docente di latino e greco al liceo ‘Gulli e Pennisi’– verrà inaugurata, in tutte le scuole che aderiscono all’iniziativa, con la proiezione simultanea del brano inedito ‘L’ombra delle nuvole’ del giovane cantautore fiorentino Francesco Rainero e sarà seguita dall’interpretazione di un elaborato ispirato ad un passo del ‘De causis plantarum’ di Teofràsto, opera che affronta i cambiamenti climatici determinati dall’intervento dell’uomo sulla natura”.Il componimento scritto sul testo del filosofo di Ereso, è il brano vincitore del concorso di scrittura creativa realizzato da Gabriel Bianchi, studente del liceo classico ‘Repetti’ di Carrara. Argomento centrale della notte nazionale del licei classici del 2020 è il rapporto tra individuo e natura attraverso un percorso teatrale, artistico, musicale e al liceo di Acireale prende spunto dai quattro elementi naturali: aria, acqua, terra, fuoco, declinati sui temi di attualità:“Dall’acqua al fenomeno della migrazione,- ha spiegato la docente Pina Palella del liceo siciliano– dal fuoco a quello della passione, toccando non solo le problematiche del nostro tempo, ma scandagliando i sentimenti dell’animo umano in uno stretto connubio tra passato e presente”.Rispetto e tutela dell’ambiente passano anche dal liceo di Acireale, in cui gli studenti hanno allestito le aule tematiche con materiale riciclato. Drammatizzazioni in italiano, letture di brani in greco classico, esposizioni di arti plastiche e visive, attività musicali e coreutiche, degustazioni a tema con prodotti locali ed ispirate al mondo antico faranno parte della manifestazione culturale, in cui protagoniste indiscusse saranno, ancora una volta, l’inventiva e la creatività dei liceali guidati dai loro docenti.