Nuovo incendio alla libreria Pecora elettrica: stava per riaprire

Le fiamme sono divampate nella notte e avrebbero danneggiato completamente gli interni del locale. Il precedente incendio a fine aprile

ROMA – Nuovo incendio alla libreria Pecora Elettrica in via delle Palme, nel quartiere di Centocelle, a Roma. Le fiamme sono divampate alle 3 circa e avrebbero danneggiato completamente gli interni del locale. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia Casilina e i Vigili del fuoco. I Vigili del fuoco hanno ritrovato liquido infiammabile all’interno della libreria.

La Pecora elettrica avrebbe riaperto i battenti domani, dopo mesi di chiusura dovuti a un altro incendio di origine dolosa avvenuto il 25 aprile scorso. Indagini in corso.

Roma, incendio alla libreria ‘La Pecora Elettrica’: è boom di donazioni online

“Siamo sotto attacco, qualcuno ci aiuti”. A Roma cittadini del quartiere di Centocelle sotto shock questa mattina dopo il nuovo incendio appiccato alla caffetteria libreria ‘La Pecora elettrica’. La ‘Pecora elettrica’ si trova a circa 30 metri di distanza dalla pinseria Cento55 dove il 9 ottobre, sempre un incendio doloso, ha distrutto il locale portando a tre il numero degli episodi di questo tipo nel giro di poco tempo in questa zona del quartiere.

Roma, fiamme in un locale di Centocelle: la pista è dolosa

“Non è possibile una cosa del genere- commenta un ragazzo della zona- perché non vogliono questa libreria?”. “Non possono vincere loro”, aggiunge un’altra ragazza.

RAGGI: INQUIETANTE, SI FACCIA SUBITO CHIAREZZA

“Inquietante l’ennesimo rogo alla libreria la Pecora Elettrica a Roma. Se fosse confermato l’atto doloso sarebbe estremamente grave. Vicina ai proprietari, si faccia subito chiarezza”. Lo scrive su twitter Virginia Raggi, sindaca di Roma

FRANCESCHINI: INCENDIO ‘PECORA ELETTRICA’ GRAVISSIMO, IMPEGNO STATO

“Bruciare una libreria di ragazzi che hanno deciso di aprirla in periferia coinvolgendo la comunità è un atto incredibile e intollerabile”. Così il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, arrivato di fronte alla Pecora elettrica. “

C’è stato un primo attentato lo scorso 25 aprile e domani doveva esserci la riapertura grazie a un meccanismo di donazioni del quartiere- ha ricordato Franceschini- Il fatto che ci sia stato un ulteriore attentato è di una gravità assoluta. Quando si bruciano i libri è terribile e questa libreria era impegnata sui temi dei diritti e dell’antifascismo. È un fatto di una gravità assoluta che richiede che le istituzioni, Comune e Stato, siano non solo vicine, ma diano un impegno assoluto perché non succeda mai più”.

MARTELLA: VILE CHI METTE AL ROGO LIBRI

“‘Un luogo d’incontro di anime e di pensieri. Un luogo in cui fare cultura e promuovere i talenti’. Tanto nobile la visione ed il progetto di chi anima La Pecora Elettrica, quanto vile chi mette al rogo libri, idee ed impegno sociale. Piena vicinanza e solidarietà ai proprietari”. Lo scrive su twitter Andrea Martella, sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all’editoria.

ZINGARETTI: LUOGO CULTURA, TENETE DURO

“La Pecora Elettrica è un luogo di cultura e aggregazione. Stanotte è stato dato alle fiamme dopo l’incendio dell’aprile scorso. Ai proprietari dico di tenere duro e lottare per restituire a Roma la bellezza e la passione del loro impegno sociale”. Lo scrive su twitter il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

MAGI: FASCISTI BRUCIANO LIBRERIE, CITTÀ ALLO SBANDO

“A Roma i fascisti bruciano le librerie. Segno allarmante di quanto la città sia allo sbando. Solidarietà a @PecorElettrica, presidio culturale a Centocelle che stanotte è stata incendiata per la seconda volta in 6 mesi. Avrebbe riaperto domani. Si vada in fondo alla questione”. Lo scrive su twitter il parlamentare di Piu’ Europa Riccardo Magi