Palazzo Montecitorio ‘assediato’ dai contestatori: prima il M5s, poi i forconi di Pappalardo

ROMA – Giornata di proteste a Montecitorio. Già in mattinata fuori dalla Camera si erano radunati i primi contestatori appartenenti al Movimento 5 Stelle, inferociti di fronte alla possibilità che il Governo ponesse la fiducia sulla legge elettorale, il Rosatellum bis. Quando poco dopo l’ora di pranzo si è saputo che proprio questa era la decisione del Governo, i contestatori sono aumentati man mano, anche in conseguenza dell’appello del candidato premier Luigi Di Maio che ha invitato tutti ad andare in piazza. Hanno protestato dietro un grande striscione “No al Rosatellum bis“.

Video Player

00:00
00:19

Nel pomeriggio, poi, la piazza è stata invasa da un nutrito gruppo di contestatori, sono i ‘seguaci’ del generale Antonio Pappalardo, di fatto hannorubato la scena ai grillini. Pappalardo ha creato il Movimento liberazione Italia (dove in parte sono confluiti i ‘forconi’) e l’intenzione sua e dei suoi sostenitori è quella di mettere in atto un blitz per ‘cacciare’ i politici abusivi dal Parlamento. L’azione di oggi era stata annunciata un mese fa esatto, al raduno organizzato da Pappalardo, che si era concluso lanciando l’appuntamento del 10 ottobre. Prima di arrivare a Montecitorio, in mattinata si erano ritrovati in piazza del Popolo.

Video Player

00:00
00:29

Nella confusione che si è creata, nel primo pomeriggio è andato in scena anche un episodio molto divertente: il deputato Alessandro Di Battista è uscito dal palazzo della Camera per fare il punto con i suoi sostenitori dopo aver partecipato alla riunione dei parlamentari M5s e si è diretto verso la folla, togliendosi la camicia e mettendosi a parlare di legge elettorale. Senonchè aveva sbagliato piazza: e anzichè trovarsi di fronte i grillini, era nel bel mezzo della piazza dei contestatori guidati dal generale Antonio Pappalardo, decisi a mandare a casa tutti i parlamentari bollati come ‘abusivi’. Lui compreso. Morale della favola: è rientrato alla Camera tra i fischi (guarda il video qui: www.dire.it/10-10-2017/146796-legge-elettorale-di-battista-esce-e-sbaglia-piazza-dietrofront-tra-i-fischi/).

fonte «Agenzia DIRE» e l’indirizzo «www.dire.it»
Studio Cataldi

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Policy Cookies Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano “cookies”. Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Cosa sono i cookies? Un cookie è un piccolo file di testo che i siti salvano sul tuo computer o dispositivo mobile mentre li visiti. Grazie ai cookies il sito ricorda le tue azioni e preferenze (per es. login, lingua, dimensioni dei caratteri e altre impostazioni di visualizzazione) in modo che tu non debba reinserirle quando torni sul sito o navighi da una pagina all’altra. Come utilizziamo i cookies? Cookie tecnici Si tratta di cookie normalmente trasmessi in prima persona dal gestore del sito per finalità strettamente connesse al buon e corretto funzionamento del sito stesso. Questa famiglia di cookie comprende: Cookie di navigazione (o di sessione) Questi cookie sono necessari per garantire la normale fruizione del sito web e desi suoi servizi permettendo, ad esempio, di autenticarsi ad aree riservate o di effettuare un acquisto. Cookie funzionali Questi cookie, pur non essendo essenziali, migliorano la funzionalità del sito in quanto consentono all’utente di esprimere delle preferenze persistenti circa alcuni aspetti della navigazione (ad esempio selezionare la lingua o memorizzare alcuni prodotti preferiti all’interno di un e-commerce). Cookie di Analytics (o statistici) Sono considerati “cookie tecnici” laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. Cookie di profilazione Riprendendo la definizione data dal garante della Privacy i cookie di profilazione “sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete”. Come controllare i cookies? Puoi controllare e/o verificare i cookies come vuoi – per saperne di più, vai su aboutcookies.org. Puoi cancellare i cookies già presenti nel computer e impostare quasi tutti i browser in modo da bloccarne l’installazione. Se scegli questa opzione, dovrai però modificare manualmente alcune preferenze ogni volta che visiti il sito ed è possibile che alcuni servizi o determinate funzioni non siano disponibili. Per accettare o rifiutare i cookies su questo sito, clicca su i pulsanti che troverai sul pop up in alto al momento che accedi al nostro Sito.

    Chiudi