Pavia, spray al peperoncino a scuola, 30 intossicati. Bussetti: “Sospensione e se serve perdita anno”

A tre giorni dalla tragedia di Corinaldo, stamattina qualcuno ha utilizzato uno spray in un Itis di Pavia

ROMA – A tre giorni dalla tragedia di Corinaldo, dove venerdì sera nella discoteca ‘Lanterna azzurra’ si è scatenata una fuga da panico in cui sono morte sei persone, è stato utilizzato spray al peperoncino in una scuola superiore di Pavia, in Lombardia. È successo questa mattina all’Istituto tecnico industriale Cardano in via Verdi, dove i sanitari del 118 sono intervenuti per soccorrere 48 persone, di cui 33 studenti che frequentano quattro prime.

Sono in corso accertamenti ma da quanto si apprende le cose sono andate così: i sintomi dello spray al peperoncino sono stati accusati dopo le due ore di educazione fisica che si è tenuta dalle 8 alle 10. Gli alunni, una volta tornati negli spogliatoi, hanno accusato infatti bruciore alla gola e agli occhi: la prima cosa che è stata fatta da insegnanti e bidelli è stato aprire porte e finestre, mentre la preside ha chiamato il 118.

Degli alunni, alcuni sono stati soccorsi sul posto, altri portati in ospedale per accertamenti.

BUSSETTI: SE USO SPRAY, VIA DA SCUOLA E PERDITA DELL’ANNO

“Quanto accaduto a Pavia è inaccettabile. Che dopo la tragedia di Corinaldo qualcuno si lasci andare all’emulazione di un gesto che ha causato vittime e molto dolore è un fatto che non può essere tollerato. Abbiamo contattato la scuola. Ci saranno interventi seri“. Lo scrive su Facebook il ministro della Pubblica istruzione, Marco Bussetti.

“Abbiamo chiesto al dirigente scolastico una relazione e gli interventi opportuni- spiega meglio  il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti intervenendo in diretta nel corso di ‘Un giorno da Pecora’, il programma di Rai Radio 1 condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari-. Pare che l’evento sia avvenuto all’interno dello spogliatoio nelle ore di educazione fisica, ma non ho notizie confermate. Secondo me si tratta di un brutto episodio che emula le tristi vicende di venerdì notte, da condannare e da punire. Occorre dare esempi ben precisi e pesantini: una sospensione che poi determina un voto di condotta negativo e, magari, anche la perdita dell’anno”.

E ancora: “Non è un problema di poter portare o non portare lo spray al peperoncino- aggiunge Bussetti- il problema è l’uso che se ne fa“.

SALVINI: ARRESTO PER CHI ABUSA SPRAY, ANCHE SE MINORE

“Lo spray al peperoncino ha salvato tante donne da violenze, stupri, rapine e aggressioni, va usato in maniera intelligente. Chi ne abusa, per quello che mi riguarda, non va richiamato ma arrestato, anche se è minorenne“. Così il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini sulla tragedia nella discoteca di Corinaldo (Ancona) e a nuovi fatti collegati a un istituto tecnico di Pavia, dove studenti sono stati intossicati, questa mattina, dallo spray al peperoncino.

Rispondendo ai giornalisti sul fatto che quegli spray vadano ritirati dal commercio, al suo arrivo in Assolombarda, a Milano, dove nelle prossime ore incontrerà i presidenti delle associazioni territoriali lombarde di Confindustria, Salvini dichiara: “Posso solo stangare dei deficienti e dei delinquenti che usano strumenti di difesa per altri motivi”.

Video Player

00:00
00:43
«Agenzia DIRE» e l’indirizzo «www.dire.it»