Renzi: “Su Banca Etruria nessun favoritismo, voglio la verità

ROMA – Su Banca Etruria “se c’è favoritismo” è “un atto inaccettabile. Boschi ha dimostrato che non c’è alcun favoritismo, andiamo a vedere le carte, quel cda l’abbiamo commissariato e mandato a casa. Andiamo a fare la commissione di inchiesta, io voglio la verità“. Lo dice il segretario del Pd, Matteo Renzi, a ‘L’Arena’ su Raiuno. “Le persone oneste non hanno niente da aver paura dalla verità, l’importante che i cittadini sappiano che ci sono politici che si nascondono e altri che vogliono capire cosa è successo”.

Quanto al fatto che nei giorni scorsi si sia diffusa la notizia che nel nuovo libro di Ferruccio De Bortoli (in uscita imminente) c’era un passaggio relativo a Boschi e al fatto che avrebbe chiesto ad Unicredit di comprare Banca Etruria, secondo Renzi “De Bortoli ha fatto una bellissima operazione di marketing per lanciare il suo libro“.

“IL MIO GOVERNO E’ STATO DURO CON TUTTI”

“Il tema di Banca Etruria torna ciclicamente: se qualcuno dice che il mio governo ha fatto favoritismi reagisco perché non è vero. Banca Etruria fu commissariata dal mio governo: siamo stati molto duri con tutti”, dice ancora Matteo Renzi.

 

fonte «Agenzia DIRE»  «www.dire.it»