Ridotto all’osso il corpo della Polizia Locale

Ridotto all'osso il corpo della Polizia Locale

Piglio, Restano a tre i vigili, troppo pochi per sopperire ai loro compiti

Continua a ridursi il corpo della Polizia Locale di Piglio. Dopo vari pensionamenti, in tre anni sono andati in pensioni quattro agenti l’ultimo lo scorso 1 giugno il comandante Cecconi e trasferimenti (l’ultimo avvenuto lo scorso settembre, che con il consenso dell’Amministrazione Comunale l’operatore svolgerà l’attività di Polizia Locale in un altro paese della Provincia), è ormai ridotto all’osso il corpo dei vigili urbani con sole 3 unità. L’ultimo spostamento ha determinato il passaggio da part-time 32 ore settimanali a full-time 36 ore settimanali dell’altra vigilessa, ma comunque ciò non basta per rendere più efficiente il corpo. Inoltre dal pensionamento del comandante, la guida dell’ufficio è sotto il controllo del Sindaco Mario Felli, e figura anche un delegato alla Polizia Locale il consigliere Claudio Alessandri.

Per sopperire a quest’ultimo trasferimento, il Sindaco  potrebbe attingere alla graduatoria dell’ultimo concorso del 2019, forse sarebbe stato più logico farlo prima di acconsentire al trasferimento, sta di fatto che con un organico di tre unità, diventa sempre più difficile svolgere quei compiti di presenza e di repressione sul territorio che competono alla Polizia Locale.

Bisogna poi considerare i giorni di riposo, la malattia, i permessi e le assenze contemplate dalla normativa di riferimento. Tutti tasselli che non fanno altro che “limitare” la capacità strutturale della Polizia locale di Piglio. Le attività dei vigili sono molteplici: accertamenti anagrafici, gestione per autorizzazioni per l’occupazione del suolo pubblico permanente e temporanea,  per il mercato,  sopralluoghi, accertamenti per le violazioni e l’attività di polizia stradale, ed attività di supporto ai vari uffici, ect. Una questione importante che va affrontata e gestita il prima possibile. Non era di certo una cattiva idea quella di dar vita ad una convenzione tra la Polizia Locale di Piglio con Serrone e Trevi Nel Lazio con sede di comando a Piglio, ed affidarne la guida ad un capace ufficiale esterno, ciò avrebbe portato un risparmio in termini economici e più presenza ed efficienza sul territorio. Un’idea del Sindaco Felli smentita dallo stesso dopo un’incisiva richiesta di chiarimenti della minoranza, quest’ultima dovrebbe sostenerle certe idee per il bene del territorio e non “intralciare”, comunque  sta di fatto che ha subirne gli effetti è l’intera collettività e la macchina amministrativa del Comune di Piglio, che diventa sempre più lenta.