Roma, 16 giugno ore 18 – Andare per treni e stazioni


Notice: Trying to get property 'post_excerpt' of non-object in /home/ilgiorna/public_html/wp-content/themes/mh-newsdesk/includes/mh-custom-functions.php on line 123

Enrico Menduni

Andare per treni e stazioni

pp. 160, Collana “Ritrovare l’Italia” Il Mulino 2016

La nostalgia, l’immaginario, le novità sulle rotaie, fra treni e stazioni

Sapevate che la prima ferrovia “italiana” fu la Napoli-Portici inaugurata nel 1839?
E che all’Expo del 1900 a Parigi l’eccellenza meccanica italiana presentò una locomotiva a vapore che raggiungeva i 126 kmh?
Che alle difficoltà del percorso Bologna-Firenze si ovviò (fino agli anni Trenta) con il treno “sarzanino” (via Parma-Sarzana-Pisa, lungo la Maremma) e fu così che Carducci poté incontrare a Bolgheri “i cipressi alti e schietti” ?
E che per la stessa via il 29 ottobre del 1922 Mussolini “marciò” su Roma in vagone letto?

Tutti abbiamo ricordi ferroviari. Viaggi infantili con i nonni, magari su accelerati con sedili di legno, gite giovanili in comitiva, forse per partecipare a una manifestazione a Roma o per raggiungere qualche amore lontano, trasferte per raggiungere la caserma o la sede di lavoro e viaggi di nozze, magari a Venezia. Le valige sulla reticella con l’etichetta di lontani alberghi, il venditore di cestini da viaggio sul binario, il fischio della locomotiva e il capostazione impettito con l’orologio da taschino e il berretto rosso sono altrettante foto nostalgiche e sbiadite di un itinerario sentimentale attorno al treno che ci porta in luoghi lontani e fa incontrare in una temporanea intimità persone sconosciute, che forse s’incontreranno di nuovo o probabil mente mai più.

E poi ci sono le stazioni, luoghi di incontri e di distacchi, di arrivi e di addii, attorno a cui si muove una folla frettolosa, e dove si realizzano commerci di ogni tipo. Magici edifici bifronti, metà urbani e metà industriali, con maestose facciate e tettoie in ghisa e vetro, sedi del prestigio nazionale e dell’innovazione architettonica.

Il lento declino delle ferrovie, l’aura nostalgica, un certo degrado si sono bruscamente riconfigurati dopo il 2000. Anche se permangono aree di disservizio e di abbandono (le linee minori, i pendolari, i collegamenti trasversali) sono stati realizzati ex novo o attrezzati oltre 1.300 chilometri di ferrovie ad alta velocità con standard europei, in particolare tra Torino e Milano fino a Napoli e a Salerno, accorciando i tempi, creando nuove abitudini, reinterpretando il viaggio con elementi innovativi oltre le tradizioni. Dal finestrino sigillato guardiamo distrattamente l’autostrada accanto a noi, sperando in un soffio automobili che sembrano lenti giocattoli, ad una velocità che la metà della nostra.

Per questo il libro, mescolando curiosità e nostalgia, ha la forma di una guida ferroviaria sul percorso Nord-Sud, la spina dorsale d’Italia.

Enrico Menduni insegna Cinema, fotografia, televisione nell’Università di Roma Tre; è autore radiofonico e televisivo, realizza documentari e cura mostre fotografiche. Con Il Mulino ha pubblicato «L’autostrada del Sole» (1999), «Fine delle trasmissioni. Da Pippo Baudo a Youtube» (2007), La fotografia» (2008), «Televisioni» (2009), «Il mondo della radio» (2012), «Entertainment» (2013).