Sognando un domani: la nuova veste del Premio Poggio Bustone

Presso i Forward Studios di Grottaferrata si sono chiuse le selezioni delPremio Poggio Bustone 2017 e si inizia a pensare alle finali. Otto le proposte artistiche, scelte dallo staff del Premio e dei Forward Studios, che si ritroveranno il 9 settembre prossimo ai Giardini di Marzo a Poggio Bustone per decretare come ogni anno il vincitore. Questi i nomi dei finalisti: Andrea Zoli (Roma) con La mia strada; Bar luna (Rimini) con Periferia; Livio Livrea (Roma) con Ma come ci è venuto in mente?; Luciano Nardozza (Lodi) con Il folle mio librarmi in volo; Massimiliano D’Alessandro (Salerno) con Semaforo rosso; Paolo Longhi (Roma) con La vita che…; i Questione di prospettiva (Roma) con Nina; e Walter Piva (Gela-Venezia) con Finchè mutuo non ci separi.
“Sarà un Premio diverso, lo avevamo annunciato, spiega Maria Luisa Lafiandra – direttore artistico di questa iniziativa giunta alla sua tredicesima edizione -. Il terremoto qui ha lasciato i segni che, a Rieti e a Poggio Bustone, per fortuna non sono di devastazione, ma comunque di grave instabilità.   ”Qui la terra ha tremato e trema ancora. Diffuso il senso di precarietà.” Da qui la decisione di pensare una finale differente: “Stiamo concretamente pensando di pensare un evento in acustico, al pomeriggio: che non obblighi allestimenti costosi, decisamente offensivi per chi ha perso tutto.” E allora: appuntamento ai mitici Giardini di Marzo. “E alla fine, come tradizione, termineremo cantando a squarciagola La canzone del sole.” In nome di una speranza per il domani che la musica, soprattutto se affidata ai giovani artisti finalisti, sa dare.

Be the first to comment on "Sognando un domani: la nuova veste del Premio Poggio Bustone"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*