Stadio: Regione ribadita contestualità delle opere pubbliche

I costi per le infrastrutture e i servizi di trasporto pubblico sono a carico dei proponenti

In merito ad alcune agenzie e dichiarazioni sulla lettera della Regione Lazio ai proponenti del progetto per lo stadio della Roma, si precisa che viene confermata la contestualità delle opere pubbliche, senza le quali non ci potrà essere alcuna autorizzazione alla realizzazione dell’impianto sportivo.

In particolare, nella lettera si ribadisce che tutte le opere sono a carico dei proponenti, non solo l’acquisto dei nuovi treni, ma anche l’ammodernamento e il potenziamento della FL1 e della linea Roma-Lido, in particolare della stazione di Tor di Valle. Inoltre, le spese relative al potenziamento del trasporto pubblico di superficie in occasione degli eventi sportivi non potrà essere a carico della Regione Lazio o del Comune di Roma, ma dovrà essere sostenuto dai proponenti.

La lettera verrà pubblicata sul sito internet della Regione Lazio.