Tabacco e la salute dei polmoni

Il 31 maggio, l’Organizzazione Mondiale della Salute celebra il World No Tobacco Day (WNTD), una giornata di riflessione globale sui rischi associati al fumo.

La giornata quest’anno è dedicata al tema “Tabacco e la salute dei polmoni”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sponsorizza ogni anno la Giornata Mondiale senza Tabacco per richiamare l’attenzione sulla serietà dell’impatto del tabacco sulla salute. Lo smettere di fumare, tema della giornata di quest’anno, rappresenta un passo importante verso una riduzione sostanziale dei rischi sanitari che vengono corsi oggi dagli attuali fumatori, migliorando pertanto la salute nel mondo. Il tabacco è stato dimostrato causare circa 25 malattie potenzialmente mortali, molte delle quali possono essere prevenute, dilazionate o mitigate dallo smettere di fumare. Anche oggi, malattie croniche come le malattie cardiovascolari ed il cancro sono le maggiori cause della mortalità sia nei paesi sviluppati che in via di sviluppo. Con l’incremento sostanziale della spettanza di vita, la morbidità e la mortalità causate da malattie croniche associate al tabacco aumenteranno ancora ulteriormente. Questa proiezione di malattie correlate al tabacco potrebbe essere mitigata da sforzi intensivi mirati a far smettere di fumare. Diversi studi hanno dimostrato che il 75-80% dei fumatori vuole smettere, mentre un terzo ha almeno tentato più volte seriamente di smettere di fumare. Se soltanto una piccola percentuale degli attuali 1,1miliardo di fumatori fossero capaci di smettere di fumare, i benefici a lungo termine sulla salute e sull’economia sarebbero immensi. I governi, le organizzazioni sanitarie, le scuole, le famiglie, ed ogni individuo, sono chiamati pertanto a cercare di aiutare coloro che oggi fumano ed a fare in modo che abbandonino il loro comportamento dannoso e notoriamente additivo. Smettere di fumare non è facile. Sappiamo infatti che la nicotina è un potente additivo; tutti noi conosciamo persone che hanno cercato di smettere di fumare, ma lo sono riusciti a fare soltanto per pochi mesi. Questa è una sfida per tutti noi, ma è una sfida che dobbiamo lanciare perché sappiamo benissimo che facendo in modo che il maggior numero possibile di fumatori smettano di fumare è la chiave per ridurre il numero complessivo di morti associato al tabacco nei prossimi due decenni. Ad oggi la maggior parte dei fumatori che riescono con successo a smettere lo fanno senza alcun aiuto, ma è comunque necessario aumentare nettamente le percentuali di coloro che riescono a smettere di fumare. Oggi sappiamo che vi sono dei metodi che sono in grado di fare smettere di fumare e che sono anche efficaci dal punto di vista costo-beneficio. Vi sono delle medicine che rimpiazzano la nicotina come le chewing-gum alla nicotina, spray nasali, cerotti ed inalanti ed inoltre anche medicine non a base di nicotina, come il bupropione, che possono raddoppiare le probabilità di smettere di fumare. Va ricordato che vi sono dei benefici reali sulla salute nello smettere di fumare ad ogni età, e coloro che per esempio smettono di fumare tra i 30 ed i 40 anni, hanno una spettanza di vita simile a quelle persone che non hanno mai fumato. Pertanto bisogna in questa giornata invitare tutti i fumatori a fare un grande sforzo per una migliore salute ed a gettare il pacchetto di sigarette nel cestino.

Il 30 aprile scorso la Food and Drug Administration (FDA) americana ha annunciato di aver autorizzato la commercializzazione del “Sistema di riscaldamento per tabacco” IQOS – un dispositivo elettronico della Philip Morris che riscalda bastoncini riempiti di tabacco avvolti in carta per generare un aerosol contenente nicotina. La FDA ha posto severe restrizioni di marketing sui prodotti nel tentativo di prevenire l’accesso e l’esposizione dei giovani.

L’agenzia ha stabilito che autorizzare questi prodotti per il mercato statunitense è appropriato per la protezione della salute pubblica perché, tra diverse considerazioni chiave, IQOS produce meno o livelli più bassi di alcune tossine rispetto alle sigarette combustibili. Tutti i prodotti del tabacco sono potenzialmente dannosi e creano dipendenza e coloro che non usano i prodotti del tabacco dovrebbero continuare a non farlo. Comunque sia le sigarette elettroniche che i prodotti a tabacco riscaldato, come le IQOS in cui non avviene la combustione, potrebbero fornire un’alternativa meno nociva per chi proprio non riesce a smettere di fumare. 

DATI FUMATORI

Fumatori in Europa

il 26% della popolazione

30% degli uomini, 22% delle donne

Fonte: Indagine Eurobarometro 2017

Fumatori in Europa

nel 2017 in UE la percentuale è la stessa del 2014

Fonte: Indagine Eurobarometro 2017

Fumatori in Europa

Il fumo è ritenuto responsabile di quasi 700mila morti ogni anno

Fonte: Indagine Eurobarometro 2017

Fumatori in Italia

sono il 23,3% della popolazione

27,7% degli uomini, 19,2% delle donne 

Fonte: ISS-Doxa 2018

Fumatori in Italia

il 19,8% dei 13-15enni fuma sigarette 

Il 7,6% lo fa ogni giorno

Fonte: GYTS 2018

I rischi del fumo

prima causa evitabile di morte prematura in Italia

I rischi del fumo

70mila-83mila morti l’anno

25% tra i 35-65enni

Fonte: ministero della Salute

I rischi del fumo passivo

8 italiani su 10 ne ignorano il legame con tumore al polmone

Fonte: sondaggio Aiom

I rischi del fumo passivo

600mila decessi all’anno nel mondo

Fonte: OMS

Spese sanitarie legate al fumo

9 miliardi di euro l’anno in Italia

Fonte: Rand Europe

Diffusione e-cig in Italia

Nel 2018

1,3 milioni svapatori

Fonte: Osservatorio Fumo Alcol e Droga dell’Istituto Superiore di Sanità

Diffusione e-cig in Italia

Il 67,8% dei fumatori

compra sia e-cig che sigarette tradizionali

Fonte: Osservatorio Fumo Alcol e Droga dell’Istituto Superiore di Sanità

Mercato e-cig in Italia

Giro d’affari stimato in 600 milioni euro

2000 attività commerciali

20 mila occupati tra diretti e indiretti

Fonte: Anafe, settembre 2018

Normativa sulle e-cig

Alcuni Paesi, in primis UK, le agevolano fiscalmente come mezzo per smettere di fumare

Fumo e dipendenza

Il 54% dei fumatori ha cercato di smettere almeno una volta

Fonte: Indagine Eurobarometro 2017

Fumo e perdita di produttività

Costi per 12,5 miliardi di euro l’anno

Di cui 4,6 per mortalità

7,9 per malattia

Fonte: AIPO 2015

Pacchetto da 20 sigarette

prezzo medio all’acquisto

Italia: 5 €

UK: 11,50 €

Germania: 5,60 €

Spagna: 4,50 €

Francia: 6,60 €

Austria: 4,70 €

Grecia: 4 €

Romania: 3,60 €

Olanda: 6,20 €

Fonte: Tobacco Manufacturers Association 2017