Urla e insulti a Tor Bella Monaca, famiglia rom rinuncia alla casa popolare

A quanto si apprende alcuni cittadini della zona hanno inveito contro madre, padre e due figli. Intervenuti i Carabinieri

OMA – Urla e insulti a Roma nei confronti di una famiglia rom assegnataria di una casa popolare. E alla fine la rinuncia all’alloggio. E’ successo questa mattina, alle 10 circa, in via Santa Rita da Cascia 30, nel quartiere di Tor Bella Monaca.

Alcuni cittadini della zona, infatti, hanno inveito e insultato verbalmente una famiglia di quattro persone – padre, madre e due figli – mentre insieme a un funzionario Ater stavano per entrare nella casa a loro assegnata.

Immediato l’intervento dei Carabinieri di Tor Bella Monaca, anche se al loro arrivo i militari hanno constatato che la situazione era già tornata alla normalità. Invitata in caserma, la famiglia rom sta sporgendo denuncia. Si cerca di capire se i cittadini fossero abitanti della palazzina o del quartiere. Secondo quanto si apprende, la famiglia rom ha comunque rinunciato all’alloggio popolare assegnatogli.

Marco Agostini . «Agenzia DIRE» e l’indirizzo «www.dire.it»